LA VITA NON HA CONFINI

Ai miei carissimi amici Magda e Beppe perché ogni nostro incontro è fonte d’ispirazione.

Ciascuno di noi nasce con la capacità di accedere ad una maggiore consapevolezza ma con l’acquisizione del linguaggio spesso perdiamo questo dono meraviglioso. Con i condizionamenti e gli schemi ereditati e formatesi nel tempo siamo stati assorbiti dall’eredità genetica da una parte, e da forme pensiero e immagini collettive e culturali dall’altra, atrofizzando così la nostra capacità di comunicare ed aprirci ad un altro livello di frequenza negandoci la possibilità di realizzare il nostro più alto potenziale.

Questa capacità non ci ha abbandonato ma è sempre presente in noi, può essere riattivata riacquistando quella sensibilità e abilità nell’ascoltarsi, nel sentirsi e nell’intuire quelle parti di noi che vengono spesso eliminate e offuscate dalla mente prima di giungere alla coscienza.

Come potrebbe essere la nostra vita se solo ci permettessimo di ascoltare e sentire queste frequenze attraverso la luce della presenza?

Nasciamo con delle potenzialità che non possono essere create o distrutte ma vivono con noi, in noi e rappresentano la nostra vera natura, ma la mente  che spesso ci governa e  possiede inevitabilmente ci spinge ad identificarci con illusioni culturali, idee, schemi biologici, sociali, collettivi, inprigionandoci in essi, convincendoci di essere quella falsa realtà, vivendo così un profondo senso di inadeguatezza e sfiducia. La nostra percezione attraverso la mente viene deformata al punto tale da accecare ciò che vediamo e annebbiare ciò che sentiamo.

Solo la volontà può mantenere aperte le porte della consapevolezza. La nostra forza vitale unita ad un immensa fiducia nella vita ci accompagnano verso una pura passione per la verità impedendo ai meccanismi inconsci di una società malata di farci ricadere nelle solite, noiose vecchie abitudini.

Se ci permettessimo di liberare la nostra vera natura, senza tecniche particolari o riti speciali, ma semplicemente aprendoci alla corrente della vita, a quell’intelligenza innata che governa l’Universo, allineandoci ai ritmi della natura, sintonizzandoci con la terra che amorevolmente ci ospita (Dea madre grande maestra) al suo sensibile e sottile equilibrio, vivendo la quotidianità nella sua praticità, cogliendo in totale presenza ogni messaggio che la vita nella sua estrema semplicità ci fa recapitare attraverso un gesto, una parola, un’immagine, una persona che risuonano con la nostra nota, che fanno vibrare incessantemente le frequenze più alte del cuore, o che al contrario ci destabilizzano e investiti dalla vecchia ferita che nuovamente emerge, il dolore ci travolge. Il dolore grande maestro si trasforma in una speciale opportunità se solo abbiamo il coraggio e l’umiltà di entrarci dentro e viverlo, qualunque cosa esso comporti, e con la sola energia dell’amore abbracciarlo affinché la separazione si dissolva nell’unità che l’amore rivela.

L’abilità della mente è quella di complicare e frammentare ogni opportunità che a noi si presenta non lasciandoci affrontare con semplicità il dolore o la difficoltà rimanendo prigionieri dei nostri attaccamenti, delle nostre paure o della gente, di possessi materiali o di idee. Come diceva Krishnamurti: ”…la semplicità non si può trovare a meno che non si sia liberi internamente, perciò bisogna cominciare da dentro, non dal fuori”.

La vita non ha confini ne giudizio e noi siamo quella vita.

Se viviamo nell’amore siamo nella verità e come diceva Krishnamurti: “Dove c’è amore, c’è rivoluzione, perché l’amore è trasformazione attimo per attimo”.
L’ amore non costruito o raggiunto con sforzo attraverso chissà quale pratica o esperienza ma l’amore semplice, naturale, vivo presente in ogni cosa; basta aprire gli occhi e volerlo guardare e lasciarsi avvolgere dalla sua genuina passione che riscalda i cuori di coloro che sfiora accompagnandoli nella corrente della vita eterna, creativa e rigenerativa.

Cristiana Naldi
https://www.facebook.com/tecnicametamorficaluce/

LA VITA INIZIA PRIMA DELLA NASCITA

Ecco perchè la Tecnica Metamorfica è un approccio efficace e sempre rivoluzionario.
Poiché è durante i nove mesi di gestazione che si impianta il potenziale della vita umana, si è constatato che lavorando sui riflessi della colonna vertebrale situati sui piedi, sulle mani e sulla testa, questo periodo viene riportato in luce e la struttura temporale allentata. Attraverso tale lavoro, la forza vitale essenziale della persona scatena le energie che erano ostacolate durante il periodo prenatale dando via libera a processi di guarigione della mente, del corpo e dello spirito.
La Tecnica Metamorfica è quindi un semplice approccio all’autoguarigione e alla crescita creativa. Gaston Saint-Pierre

Tutto quello che abbiamo vissuto dal concepimento in poi e per tutta la durata della gravidanza, sono memorizzate dentro di noi e ci condizionano… nel bene e nel male.

La donna deve immedesimarsi sul fatto che il carattere del nascituro dipenderà interamente dalla sua condotta, dalla vita che farà durante questo sacro periodo. Se ella accoglie in sé solo pensieri d’amore per tutto quanto vi è di nobile e di buono, il suo bambino manifesterà le stesse tendenze; se, invece, si lascia trascinare dalla collera e da altre cattive passioni, il bimbo le erediterà inevitabilmente.

Perciò durante i nove mesi di gravidanza, ella dovrebbe dedicarsi costantemente ad opere buone, liberarsi da ogni angustia e timore, non ammettere pensieri o sentimenti cattivi e negativi, togliere dalla sua vita tutto ciò che non è verità profonda e non perdere un momento solo in parole oziose o in opere vane. Come è possibile che il figlio nato da una tal madre non sia nobile e forte?

S’intende che la donna incinta deve mantenere il corpo puro come la mente, respirando aria fresca e libera in gran copia, mangiando cibi semplici e sani, e anche di questi solo quel tanto che può digerire con facilità. Se segue questi consigli non avrà alcun bisogno di ricorrere ai medici”. Mohandas Karamchand Gandhi (1869-1948).

Siamo abituati alla immensa profondità di Gandhi, la Grande Anima, ma le sue parole esprimono una saggezza che ancora oggi lascia stupefatti. Saggezza che viene sempre più confermata da ricerche scientifiche nell’ambito della psicologia, della medicina e della fisica quantistica. In pratica, tutto ciò che il feto vive durante la gravidanza, tutte quelle esperienze sono memorizzate dentro di lui, condizionandolo positivamente o negativamente per il resto della vita.

Non a caso, nella delicatissima fase che ha inizio dalle primissime cellule dell’impianto dell’ovulo ad opera dello spermatozoo e durante i nove mesi successivi, si seminano le condizioni di sviluppo psicofisico, comportamentale e spirituale del futuro individuo. L’esempio più calzante è quello del contadino che deve seminare un campo: prima va sistemato e dissodato il terreno, eliminando le erbacce e tutto quello che può impedire la semina (rovi, pietre, ecc.). Dopo aver creato l’ambiente più consono alla crescita e alla vita, si passa alla semina vera e propria. La morale è che se si semina in un terreno inquinato, poco fertile e dissestato, i risultati non saranno ottimali.

Se i genitori fossero veramente consapevoli di quello che sta avvenendo dal punto di vista fisico, emotivo e spirituale nella creatura che si sta formando dentro l’utero materno, forse starebbero più attenti a quello che fanno, dicono, pensano, mangiano; eviterebbero anche di trasmettere ansia, angoscia e paura. Come dice il biologo statunitense Bruce Lipton, esperto di epigenetica: i genitori sono dei veri e propri ingegneri genetici che formano e informano il bambino.

La mamma in gravidanza è una vera e propria spugna che assorbe tutto, e non a caso la sua sensibilità è maggiore rispetto a qualsiasi altro periodo della sua vita. Si aprono addirittura certi canali sensoriali non visibili all’occhio umano (detti antakarana) ma percepibili dalle persone con facoltà extrasensoriali. Questi canali entrano dalla sommità del capo, passano attraverso la spina dorsale, arrivano giù fino alla terra e tornano verso il cielo, creando così un collegamento tra la persona e il Tutto, un ponte tra l’Uomo e il Cielo (la forma è quella del toroide o toroidale).

Questi canali, che qualsiasi essere umano ha, normalmente hanno uno spessore di circa un centimetro, mentre nella donna in gravidanza tale spessore si allarga molto di più. Questo è il motivo per cui le mamme possono ricevere comunicazioni sottili dai cosiddetti piani superiori. La donna è una vera e propria porta aperta sull’infinito… Con tali aperture spirituali è facile immaginare quali bellezze o bruttezze sia possibile seminare, giusto per tornare all’esempio di prima, nella creatura che si sta sviluppando.

Nel mondo duale, infatti, questa porta può essere aperta verso il bene, il bello e il vero, oppure verso il male, il brutto e il falso. Una mamma che vive nella gioia, nella pace, nella serenità e nell’amore proprio e del suo compagno, riceverà un sano nutrimento per se stessa e per la sua creatura, che ricordiamo essere un adulto in divenire. Al contrario, se la donna vivrà male la sua condizione rimanendo ricettiva a stimoli negativi, tutto ciò andrà a discapito di un sano sviluppo del bambino.

Per il bimbo sono basilari tutti i valori ricevuti da una madre e un padre che lo hanno desiderato, voluto e amato a partire dal concepimento e durante tutto il periodo prenatale. Questa creatura, a prescindere dalla vita adulta che intraprenderà, potrà essere un uomo o una donna felice e libero, e non un infelice della società, arrabbiato con tutto e tutti.

Giorgio Mambretti nel suo ultimo libro: “La medicina del futuro; la realtà nascosta della malattia”, spiega come tutto quello che è successo nel momento del concepimento, durante la gravidanza, la nascita e nei primi anni di vita, resta registrato. Sempre più studiosi stanno comprendendo che già nel momento del concepimento, viene registrato dal feto tutto quello che avviene nel mondo esterno, nel bene e nel male…

Il famoso psichiatra Stanislav Grof è riuscito a dimostrare che il neonato registra tutto quello che avviene in gravidanza (endogestazione), durante il parto e nell’esogestazione (primi 2-3 anni di vita). Ha sottoposto ad ipnosi delle persone facendo loro rivivere per esempio la gravidanza o il parto, e poi ha fatto loro disegnare tale evento. Ci sono persone che hanno vissuto nel grembo materno una favola e chi un incubo vero e proprio… Ecco perché se tutti avessero dato ai loro bambini le giuste attenzioni e l’amore necessario, forse la nostra società odierna sarebbe molto diversa…

Nell’antica Grecia, per esempio, le donne incinte vivevano tutte insieme dentro grandi case circondate da un ambiente sereno, nel verde e nella tranquillità, affinché i loro bambini si sviluppassero in una condizione di estrema protezione e si nutrissero del vero e del bello, immersi nella natura, perché ovviamente la natura è il solo luogo dove una persona si può rilassare e vivere in armonia ed equilibrio.

L’epigenetica, una nuova disciplina della scienza sviluppata accanto alla genetica, ha messo in evidenza l’importanza e il ruolo dei genitori, quale ambiente di vita del nascituro, nella formazione del bambino. Queste informazioni sono note da molti anni sia tra medici, psicologi che ricercatori, i quali sanno perfettamente che il periodo prenatale e perinatale fanno parte, a tutti gli effetti, del percorso della vita, l’inizio di un continuum che è la nostra esistenza fisica e psichica.

Già a partire dal 1924, Otto Rank ipotizzò un legame fra il parto e molti problemi esistenziali e psicologici, visti come reazioni o conseguenza al trauma della nascita, e concepì l’utero come un “paradiso perduto” a cui si tende nella ricerca del piacere. Addirittura, il dottor Frank Lake, afferma che l’esperienza più formativa è proprio quella prenatale, specialmente quella del primo trimestre intrauterino!

Eppure, ancora oggi, nonostante queste conoscenze siano ormai a disposizione da quasi un secolo, non viene prestata da genitori e medici la dovuta attenzione, a questo periodo importante vissuto dal bambino “in utero”, alle esperienze che si sono impresse nella sua memoria fisica e corporea e che contribuiscono alla formazione del futuro temperamento, carattere e della personalità. La società di domani sarà composta da quelli che il filosofo e chiaroveggente Rudolf Steiner definiva “adulti in divenire” e che saranno coloro che andranno a governare, insegnare, che saranno medici, infermieri, spazzini, ecc., ma con un cuore nuovo.

Il grande psichiatra Thomas Verny, uno dei massimi esperti mondiali della vita prenatale, lo va dicendo da molto tempo: Un’esplorazione della biologia cellulare, suggerisce che una forma di ‘coscienza’, una consapevolezza rudimentale del mondo circostante, esista fin dai primi giorni nel grembo materno. Oggi la prova dell’esistenza di questa memoria cellulare, viene confermata dagli scienziati del MIT (Massachusets Institute of Technology) e del National Institute of Mental Health. La loro scoperta comune, per cui le cellule dell’individuo accumulano esperienze basate sulla memoria, già prima che il cervello si sia formato, sottolinea il ‘dramma’ della vita embrionale, della quale l’urto che avviene al concepimento non è che l’inizio“.

Verny, sta semplicemente affermando che già a pochi minuti dal concepimento, esiste una rudimentale forma di memoria cellulare… Se ne fossimo realmente consapevoli, cambierebbe sicuramente il nostro modo di porci, di fare l’amore, di pensare, di relazionaci con l’altro… e perché no, anche il nostro modo di pregare.

Queste cose sono risapute da sempre. Già all’epoca, il grande Leonardo Da Vinci (1452-1519) era solito dire che… “quello che vive la mamma lo vive anche il bimbetto”, come pure nel Vangelo di Luca (1,41/42) se ne parla: “Appena Elisabetta udì il saluto di Maria, il bambino le balzò nel grembo…”

Anche una recente ricerca senese dimostra che la memoria del feto influisce sulla vita post-natale. Questa ricerca è stata condotta, per la prima volta in Italia, dal dottor Carlo Bellieni, neonatologo di fama mondiale dell’U.O. di Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico “Le Scotte” di Siena.

Un’equipe di medici ha seguito per cinque mesi 43 donne in stato di gravidanza, con permanenza forzata nel letto per cause legate ad una difficile gestazione, comparandole con altrettante mamme che, durante lo stesso periodo, non hanno avuto problemi significativi. Il risultato dimostra come i bambini delle mamme rimaste ferme durante la gravidanza, hanno avuto qualche difficoltà di equilibrio in più rispetto agli altri neonati (ad esempio, hanno maggior tendenza al mal d’auto).

La memoria del movimento è un’altra scoperta realizzata a Siena. Confrontando 32 madri ballerine che hanno continuato a danzare intensamente durante i nove mesi, con altrettante madri che non lo facevano, si è visto che i bambini nati da madri che praticavano danza erano più esigenti nell’essere cullati e richiedevano un movimento più vigoroso rispetto agli altri. “Ciò dimostra come il feto possa ricordare il movimento che la madre compiva durante la gravidanza e come lo ricerchi ancora dopo la nascita“.

In conclusione, l’essere umano potrebbe essere aiutato e positivamente trasformato– partecipando così al cambiamento di questo pianeta – se solo si raggiungesse una profonda consapevolezza del fatto che tutto quello che accade nella vita deriva e ha origine dal periodo prenatale…

Tratto dal libro: “La Vita inizia prima della nascita” di Marisa Bettio e Marcello Pamio

Cristiana Naldi
Rivisto da www.fisicaquantistica.it

LA VITA CHIEDE VERITA’

La vita ora chiede verità, una verità profonda che riconduce alla nostra vera natura a costo di perdere il nostro status quo, la nostra immagine o il nostro stile di vita; sacrifichiamo ciò che non ci appartiene , non aggrappiamoci all’inessenziale, non mentiamo a noi stessi, non abbiamo nulla da perdere o da difendere ma solo da vivere.

Come diceva Gaston: “lasciamo che sia” , lasciar essere non significa subire passivamente la vita, gli eventi o le emozioni o lasciarsi sopraffare da essi ma fermarsi ed osservare ciò che accade lasciando ad ogni manifestazione uno spazio libero e la possibilità di rilasciare ciò chiede di poter fluire senza trattenere nulla ma vivendo interamente la vita, nella gioia e nel dolore, nelle difficoltà e nelle opportunità. Diamoci il permesso di dare spazio a ciò che si muove dentro di noi, a questa energia, senza filtri, senza cercare di cambiarla, di scappare o di sedarci nei più svariati modi, ma… stiamoci dentro.

Appoggiamo il cuore sul nostro dolore, sulla nostra paura, sulla nostra rabbia e …sentiamoli nella loro potente intensità, onoriamo la loro esistenza, non sono tutto ma come afferma Jeff Foster sono solo un’onda di un vasto oceano. Siamo l’oceano e l’onda è una delle sue innumerevoli manifestazioni. Onda, un giorno calma e rasserenante , un giorno impetuosa ed improvvisa.
Non dimentichiamo chi siamo.

Nuotiamo nelle acque misteriose dell’oceano che noi siamo, entriamo in comunione e comunicazione con noi, con le nostre ombre, con le nostre sfaccettature, con le nostre bugie, con le nostre bellezze, non separiamoci ma abbracciamole e permettiamo ad ogni cosa semplicemente di essere.

Non dobbiamo sempre essere felici, spensierati  e in pace per vivere una vita perfetta e comoda, non abbiamo bisogno di continui obiettivi o mete da raggiungere ma semplicemente di iniziare a fare ciò che ancora ci emoziona e ci connette al nostro sentire profondo, di aprire il cuore ogni giorno a ciò che la vita ci offre nella sua infinita stranezza, incontrare ogni nuovo giorno con stupore ed osservare con occhi vivi e sempre nuovi ciò che si presenta.

Potremmo correre il rischio di vedere le nostre infinite maschere sgretolarsi e seppur con paura iniziare a respirare nello spazio che siamo abbracciando ogni cosa senza giudizio o interpretazioni, non c’è nulla da sistemare perché nell’immenso oceano che siamo ogni manifestazione è la benvenuta.

Concludo con uno scritto di Jeff Foster:

Lavoro sacro
Amate i vostri dubbi. Sono il seme del Mistero.
Abbracciate la vostra tristezza. Una grande gioia giace al suo interno.
Voltatevi a guardare le vostre paure. Nelle loro profondità c’è una pace che va al di là delle parole.
Celebrate la vostra noia. E’ radicalmente viva.
Stringete la vostra sofferenza. Lasciate che vi apra il cuore a metà.
Fate amicizia con la vostra  rabbia. Conoscetela intimamente come forza vitale che fa bruciare i soli.
Riconoscete il vostro dolore. E’ la supplica di cortese attenzione che fa il corpo.

Tutti i sentimenti sono profondamente intelligenti.
Toglietevi di mezzo.
Lasciate che facciano il loro lavoro sacro, universale.

Cristiana Naldi
Il mio profilo

Riproduzione consentita solo citando la fonte e priva di modifiche.

TECNICA METAMORFICA, SPAZIO E LIBERTA’

Amo questo approccio con tutta me stessa, perché va al di là di tante teorie, suggerimenti o indicazioni e sebbene abbia una sua struttura, credo che oltre a questa la Tecnica Metamorfica sia estremamente rivoluzionaria e avveniristica, perché riconosce il potere della vita presente in ciascuno di noi, perché da spazio alla nostra unicità, al nostro sentire al di là di giusto e sbagliato, di bello e brutto. Ci offre uno spazio che difficilmente riusciamo a vivere nella folle corsa quotidiana, sommersi da pensieri, impegni, paure e sollecitazioni pressanti.

Ricordiamoci che questo spazio possiamo donarcelo (anche con l’auto-sessione), sentire il nostro respiro, sentire il nostro cuore, il “suo-nostro” battito…perché non riusciamo più ? Perché è così difficile stare con noi? Perché abbracciare ciò che siamo è cosi complicato? Chi può fare tutto questo al nostro posto? Qualcuno può respirare o dormire o amare per noi? Cosa aspettiamo? Iniziamo poco per volta, doniamoci questo spazio vitale, entriamo in comunione e comunicazione con la vita.

La vita non è compiacere gli altri o indossare le infinite maschere che la società, noi stessi o gli altri richiedono; questo non fa altro che allontanarci da noi, soffoca le nostre emozioni e la nostra manifestazione. Ognuno di noi può, in ogni istante, essere autore della propria vita.

Cominciamo a fare delle scelte per le quali non ci si aspetti l’approvazione di nessuno; assumiamoci l’intera responsabilità di noi stessi e di quello che stiamo vivendo correndo anche il rischio di sbagliare, una, due o più volte se necessario, permettiamoci il rischio dell’ imperfezione. Solo così possiamo fare un salto nell’ ignoto.

Non possiamo accedervi attraverso la mente ma solo osando affidarci con fiducia a noi stessi e verso ciò che non possiamo concepire o comprendere con la mente.

Il passato è passato, il futuro deve ancora arrivare; non ci resta che vivere l’ADESSO, l’unico momento reale, l’ unico che ci permette di accedere al nostro potenziale, a ciò che non conosciamo, all’invisibile e misterioso progetto che ci attende con pazienza. Andiamo oltre il principio di causa ed effetto, oltre il karma, oltre il positivo e negativo.

Abbiamo semplicemente il diritto di essere ed esistere nella nostra totalità che comprende tutto.

Cristiana Naldi

Riproduzione consentita solo citando la fonte e priva di modifiche.

https://www.facebook.com/tecnicametamorficaluce/

NOVITA’ DA SETTEMBRE

A PARTIRE DA SETTEMBRE NUOVI INCONTRI SERALI, PARLEREMO DI MEDICINA FUNZIONALE E DELL’EQUILIBRIO TRA MENTE, CORPO, EMOZIONI

La Medicina Funzionale si differenzia da quella tradizionale per il suo concetto di salute: non solo come stato di benessere fisico e psichico dell’organismo umano derivante dal buon funzionamento di tutti gli organi ed apparati, ma anche salute come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, dovuto all’assenza di malattie e alla presenza di una vitalità positiva unica per ogni individuo, determinata dall’avverarsi di tutta una serie di circostanze strettamente personali in cui il paziente si sente veramente bene ed in salute.
Lo sviluppo di una malattia o la manifestazione di sintomi clinici sono diversi in ogni individuo e dipendono da diversi fattori: possono esserci caratteristiche personali di predisposizione genetica, ma per condurre ad una patologia è necessario che esse si associno a vari cofattori quali cattive abitudini alimentari e di vita, tossicità ambientale, di stress, traumi fisici, droghe, ricordi di momenti stressanti, rapporti sociali negativi.

Diventiamo coscienti della nostra fisicità, dei nostri movimenti, della nostra respirazione e della nostra carica emotiva o corpo di dolore.
Solo nell’armonia tra corpo, mente ed emozioni possiamo raggiungere un senso di integrità, pace e completezza.
Nessuno ci insegna a farlo. Abbiamo riposto tutta la nostra fiducia nella capacità della mente e del pensiero, perdendo la capacità di sentire il proprio corpo. Il nostro corpo sa fare cose meravigliose, a partire dal respiro. Abbiamo permesso al pensiero/mente di sviluppare e dominare la nostra vita in modo sproporzionato rispetto al sapere istintivo e a quell’intelligenza innata presente in ciascuno di noi. Siamo in conflitto con noi stessi, la mente vuole cose che il corpo non desidera e il corpo desidera cose che la mente non permette, la mente impone istruzioni che il corpo non vorrebbe seguire e il corpo invia segnali che la mente non vuol sentire.
Ecco perché “sentire il corpo e ciò che è giusto per noi nell’ ADESSO, non a livello mentale” è difficile e faticoso.
VIVERE è vivere nel presente ed essere nel corpo.

Per informazioni ed adesioni contattare il  340/2870987

TECNICA METAMORFICA: LEGAMI EMOTIVI TRA FIGLI E GENITORI

Legami emotivi tra figli e genitori

La struttura genetica proprio al cuore delle nostre cellule ci è stata data dai nostri genitori; noi siamo veramente dei nostri genitori; la loro unione ha dato luogo al bambino che siamo stati. La realizzazione del nostro potenziale di esseri umani , tuttavia, è l’emergere di un altro tipo di bambino.

Quando lo spermatozoo e l’ovulo si sono uniti, queste due cellule sono morte a se stesse per formare lo zigote. E così pure devono cessare di esistere i legami emotivi che ci uniscono ai nostri genitori, cosicché l’energia che si libera può essere usata per integrare il passato contenuto nelle strutture genetiche di padre e madre proprio al cuore delle nostre cellule. Noi dobbiamo scendere a patti con il vuoto da cui ci proteggono i nostri genitori, tenendo a bada, ed è proprio ciò che questi ultimi fanno, i terrori atavici che sorgono dalle notti dei tempi.
Anche il nostro desiderio di perpetuarci nel futuro di cui graviamo i nostri figli deve cessare: ecco ancora un altro vuoto…

Ciò non significa che genitori e figli non debbano rimanere amici, ma devono essere liberi dalle proiezioni emotive che succhiano proprio quelle energie necessarie che la nostra forza vitale può usare per attualizzare il nostro potenziale e dare forma al nostro destino in armonia con la sua propria necessità cosmica…

Dunque il bambino che ognuno di noi può essere è l’essere di luce che sgorga dal cuore stesso delle nostre cellule. I legami emotivi vengono tagliati cosicché noi diventiamo i nostri propri padre e madre e siamo veramente i genitori del bambino emergente. Come genitori di noi stessi, possiamo andare oltre…(al di là dei genitori).

Gaston Saint-Pierre

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.