Condividi:

Edward Bach, famoso medico degli anni ‘30, ideò un metodo di medicina naturale al fine di riequilibrare i disturbi emozionali. Scelse ad uno ad uno i propri amici fiori e ne selezionò 38 diverse specie capaci di armonizzare le emozioni umane.
L’obiettivo di Bach era quello di riportare l’individuo alla salute emotiva, poiché riteneva che i vari disagi e patologie avessero una radice nel nostro sentire profondo. I fiori di Bach sono rimedi energetici dolci, senza controindicazioni,  che mirano a restituire armonia al corpo e alla psiche della persona. Sono utilizzabili da tutti ed ad ogni età, non provocano effetti collaterali e possono essere associati senza problemi a medicine e trattamenti naturali di qualsiasi genere(non sono farmaci).

 All’interno di ogni essere umano, anche se malato, ci sono le energie necessarie e sufficienti per ottenere una completa guarigione: si tratta solo di sbloccarle, in modo che queste energie siano libere di agire dall’interno. Utilizzare i fiori di Bach significa entrare in un processo dinamico, significa imparare a chiedersi cosa realmente non funziona nella nostra vita. Significa guardarsi dentro, conoscere se stessi.

Secondo Bach, la vera essenza di ogni malattia è il risultato di un conflitto tra corpo, mente e anima. Quando non ascoltiamo  la nostra essenza e dimentichiamo la divinità dentro di noi; quando proviamo ad imporre i nostri desideri sugli altri o permettiamo che i loro suggerimenti, pensieri o ordini ci influenzino, quando non riusciamo a liberarci dalle influenze esterne, dalle altre personalità,  creiamo sempre più, un terreno fertile per la manifestazione della  disarmonia nel nostro essere. Questa disarmonia si manifesta nel corpo attraverso il sintomo e la malattia;  la malattia diventa il risultato di una serie di conflitti che causa uno stato mentale negativo, che a sua volta crea uno squilibrio energetico.
L’idea di CONFLITTO, come causa di malattia è ora famigliare. Da Freud, Jung in poi la psichiatria e la psicologia né hanno ampiamente dimostrato la verità.

Bach vede due errori fondamentali come causa di conflitto e quindi di malattia:

1)      la DISSOCIAZIONE fra la nostra “Anima” e la nostra Personalità” (o mente).
L’Anima nella sua concezione trascendente è una scintilla della Divinità, una
parte di Dio, che forma l’essenza stessa dell’uomo e che detta il nostro cammino.
La Personalità è la maschera che occulta il nostro “essere essenziale” nel momento             in cui ci identifichiamo con essa.
La maschera è  quell’atteggiamento  esteriore  che  noi abbiamo e che dobbiamo
naturalmente utilizzare rispetto al mondo esterno, ma  come affermava Jung: “state
attenti, una cosa è il ruolo che voi svolgete, e una cosa è quello che siete veramente;
state attenti a non identificarvi con queste immagini”.
Sarebbe curioso se un avvocato avesse l’atteggiamento, magari anche un po’
antipatico, che ha e deve utilizzare all’interno di un aula di tribunale, nel momento in
cui si reca dal panettiere a prendere il pane.

2)      Il fare dei torti agli altri o a noi stessi. Ogni azione contro noi stessi o contro un altro
(con l’intenzione di ferirlo, di rubargli qualcosa, di umiliarlo) colpisce il TUTTO. Ed
essendo noi parte del tutto ci ritorna, consapevolmente o inconsapevolmente, con lo
stesso dolore con il quale abbiamo ferito l’altro.

Prima che si manifesti un qualsiasi disturbo fisico, il nostro stato d’animo diventa un campanellino d’allarme, si attraversa un periodo più o meno lungo in cui non ci si sente del tutto in forma o si ha l’impressione di essere “sfasati”, un po’ stanchi ,   sempre più stanchi fino a non riuscire più a recuperare le proprie forze. Questo è il momento in cui è possibile intervenire preventivamente con i rimedi floreali. Osservando attentamente lo stato stato d’animo negativo, la senzazione interiore o l’atteggiamento mentale è possibile individuare il rimedio o i rimedi che favoriscono la riarmonizzazione, evitando in questo modo che lo squilibrio energetico si materializzi in una malattia fisica.

Se si prende l’abitudine di far attenzione ai propri stati d’animo, alle variazioni di umore e di comportamento  si possono assumere i rimedi che compensano lo squilibrio e si possono trasformare gli atteggiamenti della nostra personalità che ci allontanano da ciò che siamo veramente.

In questo senso i rimedi floreali ci possono aiutare non solo a mantenere un buon equilibrio psicofisico, ma anche a procedere nella nostra evoluzione, consapevolmente.

Vuoi rimanere aggiornato sulle nostre ultime news?


 

Iscrivendoti al servizio acconsenti al trattamento dei dati secondo l’informativa UE 2016/679 (Leggi di più)


Condividi:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.